Lo spuntino giusto, con gusto!

Spuntino

Redatta dalla dietista Arianna Giana, con la collaborazione di Lavinia Cappella, Rossella Valmarana e Elena Sironi

Un’alimentazione corretta negli anni della crescita è fondamentale per un ottimale sviluppo fisico e cognitivo, per il mantenimento del giusto peso, ma anche per determinare abitudini alimentari che influenzeranno lo stato di salute dell’adulto.

L’eccesso ponderale in età infantile è un problema molto diffuso, anche tra i celiaci(1-3), e rappresenta una delle più grandi sfide di sanità pubblica nel mondo occidentale: i bambini in sovrappeso o obesi, infatti, hanno un alto rischio di essere obesi in età adulta e di contrarre precocemente malattie cronico-degenerative, come il diabete e le malattie cardiovascolari.

È perciò importante insegnare le regole della sana alimentazione il prima possibile: la ripresa della scuola può essere un’opportunità per rinforzare o instaurare una sana routine alimentare, che prevede la suddivisione delle calorie giornaliere in 5 pasti: colazione, pranzo, cena e due spuntini.

In età scolare, frazionare la giornata alimentare inserendo 2 piccoli spuntini rappresenta un’ottima scelta, in quanto:

  • aiutano a far fronte alle particolari esigenze in calorie e in nutrienti (esempio calcio e vitamine) tipiche di questa età, alleggerendo il carico digestivo dei 3 pasti principali e ottenendo un controllo della glicemia (quantità di glucosio nel sangue) più efficiente;
  • consentono di mantenere costante l’attenzione durante studio o l’attività sportiva;
  • permettono di arrivare meno affamati all’ora di pranzo e cena, evitando di “spizzicare” cibo in maniera incontrollata durante il pomeriggio.

Attenzione, però, gli spuntini hanno molteplici vantaggi se la scelta cade su alimenti adeguati, altrimenti il rischio è che possano avere effetti negativi. Alimenti molto calorici, spesso ricchi di grassi, sale e zucchero (come la maggior parte delle merendine confezionate) possono causare uno squilibrio generale dell’alimentazione e favorire l’aumento del peso corporeo.

Come scegliere allora la merenda giusta?

Eccone alcune, adatte ad ogni gusto:

  • frutta fresca: ricca di vitamine e fibra e naturalmente gluten-free, rappresenta un’ottima merenda leggera. Può essere proposta da sola oppure assieme a yogurt o latte. È bene educare i bambini al sapore e alla consistenza del frutto intero e non proporre in alternativa succhi di frutta o centrifugati. Questi ultimi, infatti, a causa del basso contenuto in fibra e dell’alto contenuto in zuccheri non conferiscono senso di sazietà e il rischio è quello di abusarne, apportando dunque un eccesso di calorie;
  • latte e yogurt: grazie al loro ottimo contenuto in calcio, non devono mai mancare nell’alimentazione dei bambini. Le Linee Guida consigliano un totale di 2 porzioni al giorno: 200 ml per il latte (intero o parzialmente scremato) e 125 g per lo yogurt (meglio senza zuccheri aggiunti). Possono essere proposti da soli, con frutta o in associazione a una piccola porzione di cereali semplici (20 – 30 g, che corrisponde a circa 4-6 cucchiai di cereali tipo cornflakes) o biscotti (4-6 biscotti secchi o 2-3 frollini), il tutto senza glutine.
    Se ci fosse intolleranza al lattosio, a volte concomitante alla diagnosi di celiachia anche nei bambini/adolescenti, è consigliato comunque consumare latte delattosato o in alternativa bevande vegetali che siano però arricchite di calcio e vitamina D e che riportino in etichetta il claim “senza glutine”;
  • pane, cracker, gallette o sostituti senza glutine: anche il pane senza glutine, circa 50 g, o un pacchetto di cracker o 4/5 gallette, (circa 30-35 g), possono rappresentare un’alternativa, da consumare da soli oppure con l’aggiunta di marmellata (20 g) o cioccolato (15 g) o ancora pomodoro fresco e olio extra vergine d’oliva (5g)  o formaggio (20 g).
  • frutta secca a guscio non salata e non zuccherata: naturalmente senza glutine (se sulle confezioni di frutta secca è presente la dicitura “può contenere tracce di glutine/frumento”, AIC consiglia di effettuare un’ispezione visiva per eliminare eventuali grani estranei), è fonte di acidi grassi essenziali e può essere proposta tale quale o in combinazione con yogurt o frutta fresca. Attenzione però all’elevato potere calorico: la porzione non deve superare i 30 g giornalieri;
  • altre merende: occasionalmente è possibile proporre anche alimenti che abbiano un significato di gratificazione come dolci senza glutine, come ad esempio una fettina di torta o una merendina tipo pan di spagna non farcita (porzione circa 50 g), un gelato (60 g) o una pizza bianca o al pomodoro senza glutine (50 g).

Dolciumi “pasticciati”, snack salati come le patatine e bevande gassate non devono mai essere proposti come merenda, ma possono essere consumati nelle occasioni speciali, sempre senza esagerare: è infatti opportuno ricordare che il ricorso a regole restrittive e divieti troppo severi sul consumo di alimenti ricchi di zuccheri o grassi può essere controproducente perché ne aumenta il desiderio in quanto percepiti dal bambino come “cibi proibiti”.

Come si evince, è possibile includere una certa varietà di alimenti per fare merenda, ma oltre a cosa scegliere è bene fare attenzione anche alle porzioni perché lo spuntino serve per spezzare la fame e non è un pranzo o una cena. In ogni caso, se il bambino ha uno stile di vita molto attivo, questi consigli saranno adattati alle specifiche necessità.

Una merenda gluten free sana e golosa? Scopri la ricetta dei dolcetti al cioccolato con amaranto.

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici dalle terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui